L’articolo che state per leggere, sulle principali città della Russia, ha un doppio intento: dare modo ai nostri lettori e viaggiatori di vedere su una mappa la localizzazione delle varie città; e proporre al contempo itinerari di viaggio singolari e affascinanti che toccano le principali città russe.

Non è facile farsi un’idea di quell’immenso territorio che è la Russia e di dove si trovino i suoi maggiori centri d’interesse. Oltre Mosca e San Pietroburgo, verso le steppe centrali, la Siberia e l’Estremo Oriente Russo si apre un territorio sconfinato costellato di un’infinità di centri abitati minori e di città dal nome esotico come Kazan’, dal drammatico passato come Ekaterinburg e dalla selvaggia atmosfera di frontiera come la città russa di Petropavlovsk-Kamčatskij: all’estremità meridionale della penisola della Kamchatka. È in questa enorme mappa che ci siamo mossi città dopo città, a volte seguendo i binari della Transiberiana, a volte spostandoci tra lande desolate per scoprire i tesori custoditi nelle più importanti città della Russia.

Mappa delle città da visitare nella Russia europea


San Pietroburgo

abitanti: 5.351.935 (2018)[1]
orario: + 2 ore rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 720 Km

Le notti Bianche di San Pietroburgo, quando il sole sembra non tramontare mai e i battelli sulla Neva, carichi di turisti, passano sotto gli innumerevoli ponti della città. Un dedalo di canali, tanto che San Pietroburgo, una delle città più importanti della Russia, si fregia del titolo di Venezia del Nord. Un ponte anche metaforico che unisce il resto del Paese all’Europa. La strategica posizione sulle coste orientali del Mar Baltico ne fa uno dei porti più importanti delle Russia; una città giovane, nata per volontà dello zar Pietro il Grande che ha voluto realizzare un sogno urbanistico che omaggiasse le architetture europee e fosse al tempo stesso, espressione delle ambizioni del proprio Paese.

Cosa fare e vedere a San Pietroburgo:

  • Una visita all’Ermitage: imperdibile;
  • La Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato;
  • Museo Fabergé: per i più raffinati;
  • Una crociera sui canali;
  • Palazzo Grande di Peterhof: i giardini sono spettacolari.

Mosca

abitanti: 12.692.466 (2020)
orario: + 2 ore rispetto all’Italia

Mosca è la città dei superlativi, dove si incontrano stili architettonici e artistici unici e sorprendenti. La più popolosa città della Russia si è affermata in questi ultimi anni come destinazione in più rapida crescita turistica, un polo di attrazione che abbaglia il viaggiatore per la sua romantica bellezza e la sua inafferrabile identità. Nel corso della sua storia la città più importante della Russia è stata vittima di saccheggi e battaglie, di vittorie e sconfitte divenendo col tempo la rappresentazione stessa del Paese, centro culturale e politico, luogo di nascita e residenza di innumerevoli artisti, scrittori e scienziati. E, a dispetto delle apparenze, una città verde in cui due terzi sono coperti da immensi parchi: luogo d’incontro privilegiato durante le lunghe giornate estive.

Cosa fare e vedere a Mosca:

  • Una crociera sulla Moscova: per un colpo d’occhio inconsueto sulla città;
  • La Cattedrale di San Basilio, con la sua inconfondibile silhouette;
  • L’imperdibile Piazza Rossa;
  • Il Cremlino di Mosca;
  • Un percorso lungo le più belle stazioni della metropolitana di Mosca.

Rostov Velikij

abitanti: 30.824 (2015)
orario: + 2 rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 207 Km

A partire dal X secolo Rostov si afferma come una delle città più importanti della Russia, un ruolo che ha saldamente mantenuto fino alla seconda metà del XV secolo quando entrò a far parte del Granducato di Mosca. La più solida ed evidente testimonianza della sua grandezza è l’imponente Cremlino (residenza fortificata) di Rostov Velikij che dal XII secolo domina la riva occidentale del lago Nero. Entrato a far parte del patrimonio culturale della Federazione Russa, è impossibile non restare impressionati dalle sue alte mura in pietra bianca, dalle sue innumerevoli cupole e dagli sfarzosi palazzi. Come le altre città dell’Anello d’Oro in Russia, Rostov Velikij è diventata meta di turismo sia interno che internazionale; una città che promette un percorso a ritroso nel tempo nella storia e nell’arte di questo Paese.

Rostov Velikij, una delle città russe dell'Anello d'Oro
Le mura in pietra bianca di Rostov Velikij, una delle città russe dell’Anello d’Oro

Cosa fare e vedere a Rostov Velikij:

  • L’imponente e grandioso Cremlino di Rostov;
  • La Cattedrale dell’Assunzione;
  • La chiesa della Resurrezione;
  • La chiesa di San Giovanni il Teologo;
  • Il monastero di San Giacobbo (Yakovlevsky).


Tour di Mosca e città dell’Anello d’Oro

Nižnij Novgorod  

abitanti: 1.259.013 (2018)
orario: + 2 ore rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 422 Km

Tra le città russe che abbiamo visto fino adesso, Nižnij Novgorod si presenta in posizione più defilata rispetto agli itinerari turistici più tradizionali. Una metropoli di oltre un milione di abitanti che vanta monumenti importanti e che, a dispetto della popolazione, conserva un’atmosfera intima e raccolta. Il Cremlino di Nižnij Novgorod, nel centro della città, è circondato da imponenti mura e abbellito da ben 13 torrioni, ognuno dei quali prende il nome da personaggi storici e biblici. Una fortezza che nella sua lunga storia, la costruzione è attestata tra il 1508 e il 1515, non è mai stato espugnato.

Una delle vie centrali di Nižnij Novgorod
Una delle vie centrali di Nižnij Novgorod

Cosa fare e vedere a Nižnij Novgorod:

  • Un giro in funivia al tramonto, per ammirare il Volga in tutto il suo splendore;
  • Una visita al Cremlino di Nižnij Novgorod;
  • Passeggiare lungo via Rozhdestvenskaya, per cogliere l’atmosfera della città;
  • La chiesa della Natività di Nostra Signora: a detta di molti uno degli edifici più bella di Nižnij Novgorod;
  • Una romantica passeggiata sul lungofiume.

Kazan’

abitanti: 1.243.500 (2018)
orario: + 2 ore rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 822 Km

Proseguiamo il nostro viaggio tra le città della Russia spostandoci ancora più a oriente, lungo il corso del fiume Volga che, in prossimità di Kazan’, compie una stretta curva in direzione sud per scomparire oltre mille chilometri dopo nelle acque del Mar Caspio. La Torre di Sjujumbike, facente parte del locale cremlino, è il simbolo della città ed è anche una delle torri pendenti più famose della Russia. La cittadella fortificata di Kazan’ si affaccia sulla riva orientale del Kazanka con le sue mura in pietra bianca al cui interno svettano le cupole colorate della Cattedrale dell’Annunciazione; poco più a sud la Moschea di Qol-Şärif, una delle più grandi d’Europa.

La Moschea di Qol-Şärif di Kazan, una delle più grandi d'Europa
La Moschea di Qol-Şärif di Kazan, una delle più grandi d’Europa

Cosa fare e vedere a Kazan’:

  • Il Cremlino con la Torre pendente di Sjujumbike;
  • La Moschea di Qol-Şärif;
  • I ristoranti di Kazan’ per un’esperienza culinaria della gastronomia tartara.
Mappa delle città da visitare nella Russia asiatica (Siberia)

Ekaterinburg

abitanti: 1.468.833 (2018)
orario: +4 ore rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 1.785 Km

Tra le città principali della Russia, Ekaterinburg è non solo una delle tappe della Transiberiana, ma è anche e soprattutto quella maggiormente legata ai tragici destini della famiglia reale. È qui, nella casa di Ipat’ev, che il 17 luglio del 1918 venne ucciso lo zar Nicola II Romanov, insieme alla moglie, ai figli e ai membri del suo seguito. Della casa oggi non resta più nulla, è stata rasa al suolo nel 1977 e al suo posto sorge oggi la Cattedrale sul Sangue, divenuta col tempo meta di pellegrinaggio.

Ekaterinburg è una delle tappe della transiberiana
Ekaterinburg è una delle tappe della transiberiana

Che cosa fare e vedere a Ekaterinburg:

  • La Cattedrale sul Sangue, situata un paio di chilometri a sud della stazione ferroviaria;
  • l’obelisco che segna il confine tra Europa e Asia;
  • Museo dell’arte della lavorazione con le pietre semi-preziose degli Urali;
  • Fuori città il Monastero di Ganina Yana, costruito interamente in legno e sormontato da cupole dorate: l’atmosfera è da favola.

Novosibirsk

abitanti: 1.567.087 (2015)
orario: 6 ore rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 3.356 Km

Proseguiamo con Novosibirsk il nostro viaggio tra le città della Siberia, proseguendo lungo i binari della ferrovia più lunga del mondo. La terza città della Russia per popolazione è infatti una delle fermate della Transiberiana, e si è sviluppata nel corso del progressivo ampliamento della ferrovia verso le regioni orientali. Attraversata dal fiume Ob, Novosibirsk può essere girata comodamente a piedi, visto che i maggiori punti di interesse si trovano nel centro storico della città. Vale la pena dare un’occhiata al Museo di Storia Locale e al Museo della Natura per conoscere la regione siberiana attraverso ricche collezioni etnografiche e naturalistiche. Se capitate da queste parti tra marzo e aprile, non perdetevi il Festival Transiberiano delle Arti.

Novosibirsk
Novosibirsk

Cosa fare e vedere a Novosibirsk:

  • La Cattedrale di San Alexander Nevsky;
  • Il Museo di Storia della Natura: all’interno è esposto lo scheletro completo di un mammut;
  • Il Festival Transiberiano delle Arti;
  • Il Museo di Storia della Ferrovia.

Irkutsk

abitanti: 620.100 (2015)
orario: + 7 ore rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 5.193 Km

La città  di Irkutsk coincide con una delle tappe più affascinanti e remote della Transiberiana e fin dal XVI secolo è stata un centro commerciale che ha attratto innumerevoli viaggiatori e mercanti. Una fama che le è valso il titolo di Parigi della Siberia. La Cattedrale Kazansky, con i suoi vivaci colori, le tradizionali case in legno del centro cittadino, il convento Znamenskj, uno dei monasteri più antichi della Siberia, sono tutte buone ragioni per fare tappa a Irkutsk.

Una delle caratteristiche case di legno Irkutsk
Una delle caratteristiche case di legno Irkutsk

Ma è una sessantina di chilometri più a sud che la regione rivela il suo animo più selvaggio e misterioso: sulle sponde del lago Baijkal. Lungo la strada che porta al lago merita una visita il Museo Etnografico all’aperto di Taltsj, mentre lungo le sponde del Baijkal il villaggio di Listvyanka si anima con il suo colorato mercato tradizionale. Fondamentale una tappa nelle locande in riva al lago che servono piatti tipici a base di pescato locale.

Questo è un viaggio che consigliamo per chi è alla ricerca di alternative emozionanti e avventurose, lontane dai tradizionali circuiti turistici, alla scoperta delle Siberia più autentica.


Tour Transiberiana 12 giorni

Vladivostok

abitanti: 606.653 (2015)
orario: + 9 rispetto all’Italia
distanza da Mosca: 6.416 Km

Arrivi alla fine di un viaggio in cui hai percorso migliaia di chilometri, attraversato sei fusi orari, più di dieci oblast’ diversi e scoperto alcune delle città più belle della Russia. La sensazione di stordimento è più che comprensibile e a questa si accompagna l’emozione di trovarsi a Vladivostok, nell’estremo oriente russo. Qui convivono da secoli influenze culturali diverse: coreane, russe, cinesi e giapponesi.

Il miglior modo per avere un colpo d’occhio unico sulla città è quello di salire sulla collina di Orlinoe Gnezdo, una ventina di minuti a piedi dal centro. Il panorama è spettacolare. Se volete approfondire le vostre conoscenze sulla storia antica della regione, consigliamo di visitare il Museo Statale Arseniev del Primorsky Kray, mentre una visita del porto consente di cogliere l’anima più autentica di Vladivostk, quella commerciale e mercantile.

Vladivostok, il faro Egersheld
Vladivostok, il faro Egersheld

Cosa fare e vedere a Vladivostk:

  • Una visita al sottomarino S-56 sul lungofiume Korabelnaya con all’interno un museo;
  • La passeggiata lungo via Akademika Fokina;
  • Salire sulla funicolare per ammirare uno splendido panorama sulla Baia del Corno d’Oro; 
  • Visitare il Museo della Fortezza di Vladivostk.

Petropavlovsk-Kamčatskij

abitanti: 181.181 (2019)
orario: + 11 rispetto all’Italia
distanza da Mosca: non è possibile raggiungere Petropavlovsk-Kamčatskij via terra; accontentatevi dell’aereo.

Nell’estremo oriente russo la città portuale di Petropavlovsk-Kamčatskij è un baluardo della civiltà di fronte alle onnipresenti forze della natura che dominano la penisola della Kamchatka. Nel paesaggio circostante svetta la cima innevata del vulcano Avačinskij, mentre, poco più a nord, si elevano i picchi del Koryaksky e del massiccio vulcanico dello Zhupanovsky.

Petropavlovsk Kamchatskiy, dominata dalla cima innevata del vulcano Avačinskij
Petropavlovsk Kamchatskiy, dominata dalla cima innevata del vulcano Avačinskij

Una regione selvaggia in cui abbiamo deciso di organizzare uno dei nostri viaggi avventura, esplorando baie remote e seguendo i sentieri che si inerpicano lungo le pendici del vulcano Mutnovskij. Abbiamo attraversato la valle dei geyser e ci siamo immersi nelle piacevoli acque termali della penisola della Kamchatka. Un viaggio che richiede una certa capacità di adattamento e spirito di avventura, ma che ci ripaga ogni singolo giorno con l’immenso spettacolo di una natura nella sua dimensione più autentica e incontaminata.


Tour in Kamchatka

Note

1 I dati relativi al numero di abitanti (di ogni singola città russa) sono stati ripresi dalle rispettive pagine di Wikipedia, L’enciclopedia libera.