Manuela, una simpaticissima ragazza, racconta del suo viaggio in Russia: Mosca, Sergiev Posad, Yaroslavl, Rostov e San Pietroburgo.

Ciao da Ekaterina, Travel Specialist Rusoperator per i viaggi in Russia.

Sei sul blog di Rusoperator, il luogo dove chiunque voglia viaggiare in Russia trova le risposte alle proprie domande.

La guida di Rusoperator su “Come organizzare un Viaggio in Russia in 10 passi” è un ottimo e rapido mezzo per conoscere tutto ciò che serve per pianificare la tua partenza.
Chiara, completa e sintetica, ti mostrerà come in pochi passaggi pianificare al meglio per la tua partenza in Russia.

Grazie a “Ti racconto un viaggio” hai già conosciuto le meraviglie che ti aspettano nelle bellissime città di Mosca e San Pietroburgo. 

Oggi ci aspetta la storia di Manuela che ha visitato Mosca, San Pietroburgo e una parte dell’Anello d’Oro.

Se invece ti piacerebbe ricevere un preventivo gratis con il tuo Tour su Misura, clicca  qua  personalizzazione del Viaggio  e scopri il nostro servizio di creazione di tour personalizzato.

Il viaggio continua – San Pietroburgo

Siamo arrivati alla stazione del treno di Yaroslavl  e da lì siamo partiti per San Pietroburgo, con un viaggio davvero originale.

Il treno avrebbe viaggiato tutta la notte facendoci giungere a destinazione al mattino e solo una volta partiti abbiamo capito il perchè: il treno va quasi a passo d’uomo, si ha la possibilità di contare le betulle lungo tutto il tragitto…

nonostante fossimo in russia il caldo nel treno era soffocante e i finstrini erano bloccati, però al mattino la colazione è servita in bicchieri decorati in argento, davvero uno spettacolo.

San pietroburgo…beh…lascia senza fiato. La nostra guida, Anna, più che preparata è un computer!

È riuscita a raccontarci credo 3 secoli di storia della città in 4 ore e nello stesso tempo a farci vedere tutti (e dico tutti!) i monumenti della città.

Diciamo che ci ha presi in parola: quando ci ha chiesto cosa volete vedere abbiamo risposto”tutto il possibile” e così è stato!

Siamo arrivati morti in cima alla cattedrale di sant’isacco…ma la città si è distesa sotto di noi, meglio però portarsi una cartina per riconoscere gli edifici.

Alla fine del percosro con Anna, non avevamo + niente da vedere….

così abbiamo ripercorso alcune vie di San Pietroburgo, anche traverse, seguendo la nostra guida cartecea e abbiamo potuto vedere degli scorci meravigliosi;

tenendo presente il fatto che erano appena cominciate le notti bianche, il tramonto è arrivato molto tardi (circa verso le 22.30) e ci ha sorpreso davanti alla chiesa del sangue versato: con i colori del tramonto è ancora più bella, consiglio di vederla a quell’ora.

Dopo molte ore di passeggiate per le vie di San Pietroburgo, anche alla ricerca di un ristorante più economico di quelli riportati sulle guide, abbiamo atteso l’una di notte per vedere i ponti aprirsi sulla neva.

Il giorno dopo lo abbiamo dedicato in piena libertà a visitare il palazzo di petrodvoretz (Peterhof), prendendo il battello (meglio arrivare presto a fare i biglietti!) lungo la neva.

Purtroppo abbiamo beccato un giorno di pioggia, ma con il sole che batte sulle statue d’oro il complesso deve essere ancora più bello. Unico neo, ogni cotruzione interna che si intende visitare richiede un ulteriore biglietto.

A parte la giornata uggiosa, la residenza Peterhof è meravigliosa e merita una visita anche se c’è l’imbarazzo della scelta perchè san pietroburgo è circondata da palazzi di una bellezza unica.

L’ultimo giorno lo abbiamo dedicato alla visita dell’Ermitage, ovviamente selezionando le sale di nostro interesse, altrimenti non bastano 3 giorni!

Peccato non aver potuto visitare i tesori, ma anche lì, richiedono un altro biglietto e troppo tempo che non avevamo più.

Al pomeriggio, a malincuore, abbiamo lasciato la russia, promettendo di ritornare al più presto per colmare le lacune che abbiamo lasciato nella nostra conoscenza di questo paese meraviglioso e per riabbracciare la nostra amica Ekaterina.

I nostri cari turisti sono tornati a casa e fino ad ora, dopo tanti anni, siamo rimasti gli amici.

Chi ha perso la prima parte del loro viaggio, eccola

La trovi cliccando qui

Prima di congedarci ti ricordo che puoi scaricare gratis la nostra guida su come pianificare un Viaggio in Russia in 10 passi.

Ekaterina, Travel Specialist Continent per la Russia