Due città russe quasi omonime, due storie da raccontare, due viaggi attraverso fortezze inespugnabili, preziose icone russe e luoghi simbolo di un Paese pieno di sorprese.

Un giro a poco distanza da San Pietroburgo per conoscere una delle più antiche città della Russia. Velikij Novgorod non è solo una meta perfetta per seguire itinerari storici oltre le incantevoli passeggiate tra i canali della Venezia del nord, ma una città capace di regalare suggestioni uniche al viaggiatore in cerca di tesori storici e antichi edifici religiosi. Visitare Velikij Novgorod significa compiere un viaggio nel tempo fino alle origini dell’impero russo quando la città lungo il corso del fiume Volchov rivaleggiava in prosperità e ricchezza con i grandi centri commerciali del mar Baltico.



Tra le tappe del lungo viaggio della Transiberiana, la città di Nizhniy Novgorod è forse una delle meno conosciute ed è un vero peccato vista la piacevole atmosfera che si respira in questo antico centro urbano incastonato tra il Volga e il fiume Oka. Il suo Cremlino è uno dei meglio conservati dell’intero Paese e ancora oggi incute al visitatore, lo stesso senso di minacciosa imponenza che suscitava in coloro che hanno, invano, tentato di espugnarlo. Le passeggiate sul lungofiume offrono preziosi spunti fotografici per chi è in cerca del dettaglio magico e dell’atmosfera romantica. La funivia che collega le due sponde del Volga è un’attrazione da non perdere per ammirare dall’alto il centro storico e il paesaggio circostante.

Le due città russe di Velikij Novgorod e Nizhniy Novgorod sono due esempi di itinerari in Russia al di fuori dei classici tour, per conoscere più a fondo la storia e la cultura di un Paese capace di offrire al viaggiatore ricordi indimenticabili.


Tour fuori San Pietroburgo: città di Velikij Novgorod


Cosa vedere a Velikij Novgorod

La città storica di Velikij Novgorod è una meta ideale per un’escursione di uno o più giorni al di fuori dei classici itinerari di San Pietroburgo. Situata a meno di duecento chilometri a sud della Venezia del Baltico, raccoglie nei propri confini urbani testimonianze uniche della più antica architettura russa.

Velikij Novgorod è una delle più antiche città della Russia europea la cui fondazione è ancora oggi oggetto di dibattito da parte degli studiosi[1]. Uno dei primi nuclei della città viene fatto risalire al IX secolo e il suo potere sarebbe cresciuto nel corso dei secoli successivi affermandosi come centro produttivo di miele, cera e pellicce. La sua posizione di rilievo si sarebbe affermata con decisione nel corso delle invasioni mongole del XIII secolo quando la città riuscì a scampare indenne alle razzie. Per questa ragione ancora oggi possiamo ammirare intatti gli edifici storici, le architetture e i gioielli artistici di Velikij Novgorod, una delle più antiche città della Russia.

Il Cremlino di Velikij Novgorod

Il Cremlino di Velikij Novgorod
Il Cremlino di Velikij Novgorod

Il maestoso Cremlino di Velikij Novgorod si affaccia sulla sponda sinistra del fiume Volchov che attraversa la città per poi gettarsi, sei chilometri più a sud, nel lago Il’men’. Circondato da una cinta di mura che in alcuni punti si eleva per quindici metri e con uno spessore che arriva a nove, il Cremlino di Velikij Novgorod è conosciuto dagli abitanti anche con il nome di detinec che in russo antico significa fortezza. L’attuale struttura, con la sua caratteristica planimetria ovale, risale alla fine del XV secolo, sorta su di un più antico cimitero pagano[2].

La Cattedrale di Santa Sofia all'interno del Cremlino di Velikij Novgorod
La Cattedrale di Santa Sofia all’interno del Cremlino di Velikij Novgorod

Il Cremlino di Velikij Novgorod è oggi riconosciuto come una delle più antiche fortezze della Russia e la Cattedrale di Santa Sofia, costruita nel IX secolo all’interno dell’antica cerchia muraria, vanta il primato di cattedrale più vecchia del Paese. Un luogo che merita di essere visitato con calma, dedicando tempo anche agli altri edifici presenti all’interno della cinta muraria del Cremlino. Segnaliamo tra gli altri monumenti presenti all’interno della fortezza il Palazzo del Potere, il Monumento millenario della Russia e la Torre di Kokuj. Quest’ultima destinazione perfetta per godere, dalla sua cima, di una splendida vista del Cremlino di Velikij Novgorod e dell’intera città.

Cortile di Yaroslav

Il Cortile di Yaroslav è facilmente raggiungibile dal Cremlino superando il ponte sul fiume Volchov. Lunghe le sue rive attraccavano navi cariche di merci e uomini, mentre sulle sue sponde file e file di negozi trattavano un’infinita quantità di prodotti, dal miele alle pellicce, dagli schiavi al cuoio, all’argento e alle preziose icone russe. I mercanti della Lega Anseatica consideravano nel Medioevo il cortile di Yaroslav uno dei maggiori centri commerciali fluviali dell’intera Russia. Per questa ragione nell’area furono eretti tra il XII e il XVIII secolo importanti monumenti che ancora oggi possiamo ammirare, come la cattedrale di San Nicola, la chiesa di Paraskeva o quella di San Giorgio.

Il cortile di Yaroslav
Il cortile di Yaroslav

Monastero di Yuriev e Chiesa di San Giorgio

Poco fuori città, sulla riva sinistra del fiume Volchov, il monastero di Yuriev è il simbolo da oltre quattrocento anni della storia e del prestigio dell’antica Repubblica Medievale di Novgorod. Fondato nell’XI secolo fu, per lungo tempo, luogo di sepoltura dei principi incaricati di governare la città, mentre i manoscritti  custoditi nelle sue sale hanno rappresentato per gli studiosi un tesoro di valore inestimabile per ricostruire la storia medievale della città e del suo monastero. All’interno del perimetro del monastero svetta l’inconfondibile silhouette della Chiesa di San Giorgio, realizzata in pietra bianca, che si eleva per oltre cento metri di altezza con le sue tre cupole d’argento. 

La chiesa di San Giorgio nel monastero di Yuriev
La chiesa di San Giorgio nel monastero di Yuriev

Museo di architettura lignea all’aperto 

A meno di un chilometro dal monastero, giusto una passeggiata per chi ha voglia di fare due passi, il Museo di architettura lignea è uno di quegli inaspettati tesori che, se si ha fortuna, capita di trovare in un viaggio nella Russia più autentica. Il lavoro accurato dei restauratori consente oggi di percorrere le strade di un piccolo villaggio russo di epoca medievale. Un museo ligneo all’aperto con tanto di chiese, abitazioni e interni conservati alla perfezione seguendo gli insegnamenti degli abili artigiani di Velikij Novgorod. Un percorso nella più antica architettura lignea della Russia che ricorda da vicino i suggestivi itinerari della Carelia con le strutture in legno presenti sull’isola di Kizhi dove ogni elemento è unito agli altri senza l’impiego di chiodi o altre giunture in ferro.


Tour San Pietroburgo


Cosa vedere a Nizhniy Novgorod

Se Velikij Novgorod ha rappresentato per secoli un centro di scambi fluviali tra i più importanti della Russia medievale, la quasi omonima città di Nizhniy Novgorod si è affermata solo a partire dal XIX secolo come capitale commerciale della Russia. Nizhniy Novgorod è oggi un piacevole scalo durante un viaggio lungo i binari della Transiberiana, una città che, a dispetto del suo milione di abitanti, ha saputo conservare un’atmosfera intima e poetica, situata in posizione scenografica tra il fiume Volga e l’Oka. La città di Nizhniy Novgorod, fondata nel XIII secolo, vanta un’impressionante fortezza, il Cremlino di Nizhniy Novgorod, scorci imperdibili sul lungofiume Fedorovsky e raffinati esempi di edifici religiosi come la chiesa della Natività degli Strogano: una delle più belle testimonianze del Barocco russo.

Il Cremlino di Nizhniy Novgorod

Il Cremlino di Nizhniy Novgorod coincide con l’antico centro storico della città, fondata nel XIII secolo dal principe Jurij II di Vladimir. L’attuale struttura con le imponenti mura in pietra, le sue torri e monumenti risale al XVI secolo su progetto dell’architetto italiano Pietro Francesco[3] che svolse evidentemente un ottimo lavoro, visto che nei suoi oltre quattrocento anni di storia la fortezza non è mai stata espugnata. Una vista panoramica del Cremlino di Nizhniy Novgorod consente di ammirarne, oltre alle poderose mura, le innumerevoli torri; ce n’erano 13 in totale, oggi ne restano 12, a testimonianza dell’impressionante sistema difensivo della fortezza. L’area interna alle mura, di quasi 23 ettari, ospitava numerosi edifici religiosi e monasteri, purtroppo andati perduti e di cui, oggi, resta in piedi solo la cattedrale dell’Arcangelo Michele.

Il Cremlino di Nizhniy Novgorod
Il Cremlino di Nizhniy Novgorod

La città vista dall’alto: la funivia di Nizhniy Novgorod
Un sistema di trasporto alternativo per unire la città di Nizhniy Novgorod alla vicina Bor, situata sulla sponda opposta del Volga. Inaugurata nel 2012 la funivia è divenuta ben presto un’attrazione turistica che consente di cogliere nei dodici minuti di viaggio un’emozionante vista dall’alto della città. Consigliamo, nei fine settimana, di raggiungere presto l’imbarco alle cabine per evitare lunghe file.

Chiesa della Natività degli Stroganov

Poco lontano dal punto di confluenza tra il Volga e il fiume Oka la chiesa della Natività è una delle testimonianze più raffinate del Barocco russo la cui costruzione fu iniziata nel 1696 per volere del mecenate Grigorij Dmitrievič Stroganov, l’uomo più ricco della Russia dopo lo zar.

La Chiesa della Natività degli Stroganov
La Chiesa della Natività degli Stroganov, Nizhniy Novgorod

Le cupole colorate della chiesa della Natività ricordano quelle ben più famose della cattedrale di San Basilio a Mosca, con a fianco un campanile leggermente inclinato che i turisti in viaggio aNizhniy Novgorod non fanno fatica a paragonare alla Torre pendente di Pisa. Se l’esterno della chiesa colpisce il visitatore per le singolari forme, l’interno custodisce alcune preziose icone russe dedicate a San Nicola, a San Serafino di Sarov e a San Filarete.


Tour in Transiberiana: le tappe migliori


La scalinata Chkalov

Un luogo di ritrovo iconico nella città di Nizhniy Novgorod, la scalinata Chkalov sale da lungofiume sul Volga fino alle mura perimetrali del Cremlino. Costituita da 560 gradini è stata inaugurata nel 1949 e dedicata a Valery Chkalov, pilota collaudatore ed eroe della Russia. Al pari di altre mete cittadine la scalinata rappresenta un punto di arrivo perfetto per una passeggiata lungo il Volga per poi risalire la sponda del fiume in direzione ovest verso via Rozhdestvenskaya, il centro della vita culturale e sociale di Nizhniy Novgorod con i numerosi locali e negozi dove gustare le specialità del luogo.

La scalinata Chkalov
La scalinata Chkalov

Note

1  Velikij Novgorod, Storia, Wikipedia L’enciclopedia libera, 3 giugno 2020, da https://it.wikipedia.org/wiki/Velikij_Novgorod#Storia

2 Cremlino di Velikij Novgorod, Wikipedia L’enciclopedia libera, 3 giugno 2020, da https://it.wikipedia.org/wiki/Cremlino_di_Velikij_Novgorod

3  Cremlino di Nizhniy Novgorod, Storia, Wikipedia L’enciclopedia libera, 3 giugno 2020, da https://it.wikipedia.org/wiki/Cremlino_di_Ni%C5%BEnij_Novgorod#Storia